I castelli della Valle d’Aosta. Non tutti sanno che…

Girando per la Valle d’Aosta si notano sparsi qua e là, castelli medioevali, molti dei quali diroccati. Viene la curiosità del perché di tanti castelli lungo il vallone centrale in una Regione così piccola, in cui il territorio è sparso più che altro nelle valli laterali. Bisogna considerare che nel medioevo erano frequenti le invasioni da parte di popolazioni, soprattutto dal nord e per questo, in quel periodo, molte città venivano fortificate. All’epoca le comunicazioni erano affidate a messaggeri che, di corsa con i cavalli, portavano messaggi e notizie. Immaginiamo degli invasori che valicavano le montagne. quando potevano essere avvistati, era troppo tardi perché più a valle si avesse il tempo di organizzare una difesa, bisognava abbreviare i tempi. I castelli vennero costruiti in posizione strategica, ognuno in vista di quello più a valle. Con uno specchio veniva data notizia dell’arrivo di invasori. In pochissimi minuti l’informazione dalle alte montagne, arrivava fino all’ultimo baluardo della Valle D'Aosta, in modo da poter organizzare la miglior difesa possibile. Già in quell’epoca la rapidità delle comunicazioni rappresentava un elemento fondamentale e i Valdostani l’hanno risolta brillantemente.